Coronavirus, mutui e crediti in moratoria. Da Emil Banca impegnati 700 milioni

In pochi giorni sono più di 7 mila le richieste di moratoria, per un totale di oltre 700 milioni di euro di mutui e finanziamenti congelati a imprese e famiglie emiliane in attesa che l’emergenza legata al coronavirus diventi solo un brutto ricordo.

I dati a sabato scorso dicono che Emil Banca (la banca di credito cooperativo che conta oltre 160 mila clienti nelle province di Modena, Bologna, Parma, Ferrara, Reggio Emilia e Mantova), grazie a una task force dedicata e procedure semplificate, è riuscita a formalizzare già oltre la metà delle domande arrivate e conta di terminare il processo entro questa settimana.

Nello specifico, circa 4 mila richieste di sospensione sono arrivate dalle aziende nell’ambito del decreto Cura Italia (devono ancora esserne finalizzate meno di mille), mentre 2.300 sono riferite a mutui di privati che hanno dimostrato di essere stati danneggiati dall’emergenza sanitaria. Circa 700 pratiche, invece, si riferiscono alla moratoria che Emil Banca ha attivato prima dell’uscita del decreto governativo.

Rispetto alla richiesta di liquidità delle imprese, Emil Banca, all’interno di un proprio progetto non legato al decreto Cura Italia, ha già erogato quasi due milioni di euro e ha ricevuto domande per un ulteriore milione di euro che sarà erogato in tempi brevi.

Nella scorsa settimana sono state 491 le domande di finanziamento (importo massimo 25 mila euro) coperto dal fondo di garanzia statale pervenute alla banca, per un totale di circa 8,5 milioni di euro.

Infine, le richieste di anticipo di cassa integrazione arrivate alla banca sono 135, di cui 94 (per complessivi 400 mila euro) sono già a disposizione dei clienti che potranno usufruirne secondo le regole del protocollo regionale.